Google paga 29,5 milioni di dollari per risolvere due cause legali sulla tracciatura della posizione

Google ha deciso di pagare un totale di 29,5 milioni di dollari per risolvere due cause legali intentate da Indiana e Washington, D.C., riguardo le sue pratiche di tracciamento della posizione ritenute “ingannevoli”.

La società di ricerca e pubblicità dovrà pagare 9,5 milioni di dollari a D.C. e 20 milioni di dollari ad Indiana, in seguito alla citazione in giudizio da parte degli stati per il fatto che la società avrebbe tracciato le posizioni degli utenti senza il loro esplicito consenso.

Google già coinvolta in altre cause legali per il tracciamento della posizione

Questo risarcimento si aggiunge ai 391,5 milioni di dollari che Google ha accettato di pagare a 40 stati per accuse simili lo scorso mese. La società è ancora oggetto di due cause legali per il tracciamento della posizione in Texas e Washington.

Le cause legali sono state avviate a seguito delle rivelazioni del 2018, secondo cui l’azienda internet avrebbe continuato a tracciare la posizione degli utenti su Android e iOS attraverso una impostazione chiamata Web & App Activity, nonostante la disattivazione dell’opzione della cronologia della posizione.

Accuse di “pattern oscuri” e violazione della privacy

Google è stato anche accusato di utilizzare “pattern oscuri”, ovvero scelte di design finalizzate ad ingannare gli utenti facendoli compiere azioni che violano la loro privacy e fanno condividere informazioni senza il loro conoscimento o affermazione.

Obblighi di Google a seguito del risarcimento

Come previsto dal risarcimento, la società dovrà notificare agli utenti con la cronologia della posizione e il Web & App Activity abilitati se i dati di posizione vengono raccolti, fornendo anche le azioni che gli utenti possono intraprendere per disattivare le impostazioni e cancellare i dati.

Google dovrà inoltre mantenere una pagina web che renda noti tutti i tipi e le fonti di dati di posizione che raccoglie, nonché astenersi dalla condivisione delle informazioni precise sulla posizione degli utenti con inserzionisti di terze parti senza il consenso esplicito.

Inoltre, dovrà cancellare automaticamente i dati di posizione derivati da “dispositivo o da indirizzi IP in Web & App Activity entro 30 giorni” dall’ottenimento delle informazioni.

Miglioramenti in termini di privacy e trasparenza da parte di Google

Nel novembre 2022, la società con sede a Mountain View ha affermato che le cause legali si basano su “politiche di prodotto obsolete” e che ha introdotto una serie di miglioramenti in termini di privacy e trasparenza, che consentono agli utenti di eliminare automaticamente i dati di posizione legati al loro account.

Google ha inoltre affermato di fornire informazioni più dettagliate riguardo al controllo Web & App Activity, oltre a lanciare un centro informazioni e un nuovo toggle per disattivare entrambe le impostazioni di cronologia della posizione e Web & App Activity e cancellare i dati passati in “un semplice flusso”.

Conclusione

In conclusione, Google ha accettato di pagare 29,5 milioni di dollari per chiudere due cause legali intentate da Indiana e Washington, D.C., a seguito delle accuse di tracciamento della posizione degli utenti senza il loro esplicito consenso e di utilizzo di “pattern oscuri” per ingannare gli utenti e violare la loro privacy. La società è inoltre stata ordinata a notificare agli utenti e a cancellare i dati di posizione, e a non condividere le informazioni precise sulla posizione degli utenti con terze parti senza il consenso esplicito.

In den warenkorb legen.