Introduzione

Recentemente, un team di scienziati dell’Università di Nicosia ha condotto una simulazione sull’impatto di un attacco nucleare su una città metropolitana. La ricerca, pubblicata sulla rivista “Physics of Fluids” dell’American Institute of Physics, si è concentrata sull’effetto su coloro che cercano riparo all’interno degli edifici.

Metodo

Gli studiosi hanno utilizzato avanzati modelli informatici per analizzare come un’onda d’urto generata da un missile balistico intercontinentale si propagherebbe all’interno degli edifici.

Risultati

I risultati della simulazione hanno dimostrato che, anche se alcuni edifici potrebbero essere distrutti dall’esplosione, persino trovarsi all’interno di una struttura robusta non sarebbe sufficiente per evitare il rischio di lesioni gravi. Le onde d’urto, già di per sé significative, possono essere amplificate dalla presenza di spazi ristretti, in quanto l’aria generata dall’esplosione si riflette contro le pareti, piega gli angoli e si propaga all’interno dell’edificio a velocità tali da sollevare le persone da terra. In alcuni casi estremi, la forza generata può essere pari a 18 volte il peso del corpo umano.

Il ricercatore Dimitris Drikakis, dell’Università di Nicosia, ha dichiarato: “Prima della nostra studio, la pericolosità per le persone all’interno di un edificio in cemento armato che resiste all’onda d’urto non era chiara”. Ha inoltre sottolineato che le “alte velocità dell’aria” generate da un’esplosione nucleare costituiscono un “pericolo considerevole”, oltre alle minacce tradizionali come l’esplosione stessa e la successiva emissione di radiazioni.

Sicurezza al chiuso

Gli studiosi hanno individuato tre luoghi particolarmente pericolosi per cercare riparo al chiuso: finestre, corridoi e porte. Ioannis Kokkinakis ha dichiarato che si tratta dei “luoghi indoor più pericolosi e critici da evitare”. “Le persone dovrebbero stare lontano da queste posizioni e cercare immediatamente riparo”, ha avvertito. “Anche nella stanza frontale rivolta verso l’esplosione, si può essere al sicuro dalle alte velocità dell’aria se ci si posiziona negli angoli della parete rivolta verso l’esplosione”.

Gli autori dello studio sperano che la comprensione degli effetti di un’esplosione nucleare possa aiutare a prevenire le lesioni e a guidare gli sforzi di soccorso, sebbene ovviamente auspichino che i loro consigli non vengano mai messi in pratica.

Conclusione

Questa ricerca arriva dopo che le autorità di New York hanno rilasciato un video per informare i cittadini su come sopravvivere ad un attacco nucleare, sottolineando l’importanza di rimanere al chiuso e di lavarsi accuratamente in caso di presenza di polvere o cenere radioattive. Il video è stato rilasciato lo scorso estate suscitando stupore e preoccupazione, ma le autorità hanno precisato che non era legato a minacce specifiche e che aveva solo lo scopo di sensibilizzare la popolazione.

インフォセブン通販 google ニュース. Cutting the cord on costs : the family iptv – best cheap iptv service.